entra nel sito viaggi
Trova la tua destinazione
Viaggia con noi !

Castello di Monticello – Alba

Amici viaggiatori, in questa escursione vi porteremo a visitare il Castello di Monticello d’Alba. Situato a pochi chilometri dalla città di Alba, nel centro delle Langhe e Roero, in una delle più belle e rinomate zone eno-gastronomiche del Piemonte, nonché Patrimonio dell’ UNESCO.

Il Castello di Monticello è una delle più imponenti costruzioni medioevali della zona, dal 1372 ad oggi è di proprietà della stessa famiglia dei Roero di Monticello.
Visitandolo ci si può rendere conto di come nel corso dei secoli, l’aspetto esterno di fortezza, pur rimanendo pressoché inalterato, sia stato interamente trasformato in una elegante dimora di campagna.

Storia del Castello

Il Castello di Monticello venne fatto costruire in un periodo storico nel quale dominavano i potentissimi Vescovi di Asti, con lo scopo di difendere i confini del contado, successivamente alla devastante calata dei Saraceni su Alba nel ( 920 d.C. ), che distrussero ed incendiarono molte città del Piemonte, tra cui anche Alba.

Nell’anno 1187 il Castello venne seriamente danneggiato durante un feroce assedio prolungatosi per quasi tre anni e che terminò nel 1190. Il Castello venne successivamente ricostruito nel 1348.

In seguito il feudo di Monticello passo in mano alla ” casana astigiana ” dei Malabayla, famiglia ascesa al potere non per discendenze nobiliari, ma in seguito al prestito della valuta ed al commercio. A seguito di questo dominio i Monticellesi, nel 1372 ormai esasperati dalle numerose angherie dei loro Signori chiesero aiuto ai Conti Roero che scacciarono i Malabayla. In cambio ricevettero come ricompensa dal Vescovo i territori di Monticello e di Castagnito.

Il Castello

Nel 1787 vennero compiuti dei restauri importanti a tutto il Castello, in occasione del matrimonio di Francesco Gennaro, Viceré di Sardegna, con Paola del Carretto di Gorzegno, senza alterare la struttura medievale esterna. I lavori trasformarono il Castello in una piacevole ed elegante dimora signorile di campagna. Durante i lavori vennero eliminati parte degli elementi difensivi, colmando i fossati e sostituendo il ponte levatoio con uno scalone in pietra, all’interno si eseguirono nuove decorazioni pittoriche secondo il gusto settecentesco. Si deve a Xaverio Kurten che nel 1827 disegnò il parco all’inglese che si esten-de tutt’attorno alla collina.

Il Castello si sviluppa su tre piani, sui quali sovrasta il passaggio di ronda munito di merlature ghibelline e di caditoie.

Dallo scalone di pietra che dal 1785 sostituisce il ponte levatoio, si accede al piano terreno nella Sala delle Armi, dove si trova una raccolta di armi di varie epoche, molte delle quali furono usate dagli antenati della casata, attigua ad essa la Cappella votata a Santa Barbara.
Al piano superiore, si può ammirare la Sala dei Quadri con i ritratti della famiglia dei Roero, e sulla volta, gli stemmi delle mogli e dei maschi primogeniti della famiglia. Proseguendo nel percorso si attraversa la Sala del Biliardo per poi accedere alla Galleria di Diana Cacciatrice, tipico esempio del Settecento piemontese.

Il cortile, situato all’altezza del primo piano rialzato è particolarmente interessante per aver conservato la sua struttura del 1300. Nel cortile si trovano ancora le tracce sui muri dell’antico ponte levatoio, che vi accedeva direttamente attraverso l’attuale galleria settecentesca del primo piano.

La galleria del primo piano ad archi ovale, con le sue finestre ad arco, si accede alla torre ottagonale, nella quale si sviluppa una scala a chiocciola, che porta al secondo piano in cui si trovano le stanze per gli ospiti e alla sommità del castello.

Giunti in cima al castello si nota che ha la parte superiore coronata da una merlatura a coda di rondine detta “alla ghibellina”. Sulla sommità vi è ancora il “passo di ronda” con la lunga fila delle caditoie, presso le quali si trovano ancor oggi gli enormi sassi, che i feudatari di quei secoli facevano trasportare con grande fatica, per averli pronti in caso di assalto nemico.

Il Castello di Monticello, è attualmente tra i più antichi ed i meglio conservati del Piemonte, questo si deve al fatto che rimanendo di proprietà è abitato dalla famiglia dei Conti Roero, attraverso i secoli lo hanno tenuto in perfetta conservazione, preoccupandosi scrupolosamente di mantenere al Castello la sua struttura originale.

Ristorante foresteria Conti Roero

Ai piedi del Castello medievale dei Conti Roero di Monticello d’Alba, la Foresteria Conti Roero offre l’opportunità di immergersi in un’atmosfera unica sia per occasioni speciali che piacevoli pause di relax.

Il ristorante offre una selezione di piatti tradizionali, tutti cucinati con i prodotti locali provenienti da una delle aree più famose in Italia per la qualità e l’eccellenza gastronomica, oltre a garantire una selezione di vini nobili imperdibile. L’utilizzo esclusivo delle migliori materie prime, “a chilometro zero”, ripropongono l’eccellenza enogastronomica della regione. Una terra famosa in tutto il mondo per le sue carni, i suoi vini, i suoi prodotti tipici (come i funghi ed il tartufo bianco).

Con una terrazza affacciata sulle colline piemontesi e diverse sale, è l’ambiente è ideale sia per cene romantiche che per organizzare eventi.

La presenza di otto bellissime camere, rende possibile il pernottamento sia per chi volesse visitare il vicino Castello dell’XI secolo, sia per chi volesse un punto d’appoggio fiabesco per visitare le Langhe ed il Roero.

Come arrivare

A 5 chilometri da Santa Vittoria d’Alba e a 10 chilometri da Alba e 8 da Bra, poco distante dalle rinomate città di Barolo e Barbaresco, il Castello e la Foresteria si collocano nel cuore delle Langhe e del Roero.

Da Torino prendere direzione verso Carmagnola, proseguire per Ceresole d’Alba, Sommariva Perno, Valdozza.
Da Savona prendere l’autostrada E717 poi la A33 direzione Bra e proseguire per Santa Vittoria d’Alba.
Da Milano prendere l’autostrada A7 e la E70 direzione Asti, proseguire sulla A33 fino ad Alba poi sulla SS231, svoltare sulla SP142 in Zona Mellea.

Ulteriori informazioni

Il Castello ed il Parco sono visitabili tutte le domeniche ed i festivi da marzo a dicembre. Per informazioni dettagliate sulle date di apertura e orari, consultate il sito ufficiale.

Castello di Monticello d’Alba, Piazza San Ponzio, 3, 12066 Monticello d’Alba CN, Italia

Orario: 10:00/12:00 – 14:30/18:00

Sito ufficiale del Castello di Monticello
Sito del Comune di Monticello d’Alba
Sito del Ristorante Foresteria Conti Roero

Prenotate la vostra camera alla Foresteria Conti Roero con Booking.com

Licenza Creative Commons